Dipendenze

I love shopping – Piacere o Dipendenza?

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr
image_pdf

Da quando i portali per gli acquisti online hanno semplificato i meccanismi di pagamento, quello che un tempo era un problema circoscrivibile ai pomeriggi liberi nei centri commerciali, ha assunto proporzioni di massa.
Le persone che presentano una dipendenza da shopping compulsivo online, non comprano per il piacere di fare un nuovo acquisto o comprare qualcosa che gli piace e serve, ma provano una tensione crescente, quindi il desiderio di comprare diventa in un impulso irrefrenabile. Vengono acquistati oggetti di ogni tipo che molto spesso non vengono usati, e la persona prova profondi sensi di colpa e vergogna.

Le caratteristiche del disturbo

S.L. McElroy, professoressa di psichiatria a Cincinnati College of Medicine, nel 1994 ha proposto 4 caratteristiche che differenziano le persone con dipendenza da shopping compulsivo online:

  • La preoccupazione, l’impulso o il comportamento del comprare online sono vissuti come irresistibili, intrusivi o insensati
  • Il comprare frequentemente al di sopra delle proprie possibilità oggetti inutili (o di cui non si ha bisogno)
  • La preoccupazione, l’impulso o l’atto del comprare in rete causano stress, interferiscono significativamente con il funzionamento sociale e lavorativo o determinano problemi finanziari (indebitamento o bancarotta)
  • Il comprare in maniera eccessiva non si presenta esclusivamente durante i periodi di mania o ipomania (nel caso di un disturbo dell’umore bipolare)

Il sito di e-commerce più celebre del globo, Amazon, è diventato per molti un best friend forever da consultare moltissime volte al giorno. Amazon, che è la più grande azienda di shopping online, è stata fondata il 5 luglio 1994 a Whashington da Jeff Bezos e fu lanciata nel 1995, un anno dopo. Inizialmente il suo nome era Cadabra.com e iniziò col vendere libri, ma presto iniziò a vendere anche DVD, CD musicali, software, prodotti elettronici, abbigliamento, mobili, cibo, ecc.. Amazon è stata tra le prime grandi imprese a riuscire a vendere merci online e ad avere successo.

I love shopping – Piacere o Dipendenza?

La tendenza allo shopping online compulsivo affligge in ugual parte donne e uomini, ma con modalità diverse. Le donne tendono a svenarsi per articoli di abbigliamento e altre “piccole” spese, gli uomini invece tendono ad abbandonarsi ad acquisti più impegnativi come auto, vacanze e biglietti per eventi sportivi.

Il settore dell’online shopping sta attualmente seguendo una curva di crescita esponenziale. Nel 2012, nei soli Stati Uniti, il mercato dell’e-commerce ha toccato quota 289 miliardi di dollari, cifra che è salirta fino a raggiungere quota 362 miliardi nel 2016. Anche il numero di persone che fanno acquisti online sta aumentando: nel 2010, solo negli USA, erano 137 milioni, entro il 2016 saranno più di 175 milioni.

Andrea Florenzano, Maddalena Manfredini, 2b Francesco D’Assisi di via Dalmazia Milano

Foto di Photo by bruce mars from Pexels

Write A Comment