Dipendenze

Sigarette elettroniche: soluzione al tabagismo o maggiore rischio?

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr
image_pdf

Sono state inventate in Cina intorno al 2006 e, in pochi anni, hanno conquistato i fumatori di tutto il mondo.  Sono le sigarette elettroniche, o in inglese e-cig, che sono utlizzate soprattutto da chi voglia avere meno danni per la propria salute: infatti, pur contenendo nicotina (solitamente tra 6 e 24 mg, ma vi sono anche alcuni modelli del tutto privi di tale composto chimico) esse vengono considerate meno dannose per la salute per l’assenza di combustione e di catrame; il fumatore “inala” direttamente il vapore (di solito aromatizzato, per renderlo meno sgradevole) . Per questi motivi, con un neologismo si dice chi fuma le sigarette elettroniche “svapa”.

Fin qui tutto bene. E ai minori rischi per l’assenza di combustione si aggiungono anche i costi minori della sigaretta elettronica, che hanno fatto sì che già nel 2016, secondo il Rapporto annuale dell’Istituto superiore di sanità, circa due milioni di italiani facevano uso occasionale o regolare di e-cigs.

Tuttavia, negli ultimi due-tre anni, da più parti si avanzano dubbi su altri rischi per la salute, connessi all’uso di sigaretta elettronica. Negli USA si sono registrati almeno sei decessi, provocati dall’uso di e-cigs, e centinaia di patologie polmonari: in ben due stati (Michigan e New York) esse dono state vietate. Tra i fattori di rischio, vi è la presenza di metalli all’interno della composizione chimica, che si è dimostrata essere dannosa per i polmoni.

Joseph Wu, direttore dello Stanford Cardiovascular Institute ha analizzato l’effetto di sei liquidi aromatizzanti usati nelle sigarette elettroniche (frutta, tabacco, caramello, vaniglia, cannella e mentolo) su cellule endoteliali umane, generate in laboratorio: ha riscontrato nelle cellule peggioramenti dal punto di vista delle funzioni vitali, con il danneggiamento del DNA e conseguente morte cellulare. Secondo Wu, in particolare le sigarette elettroniche possono aumentare le probabilità di malattie cardiovascolari.

Intanto, in Italia ha destato grande scalpore un’inchiesta della trasmissione Le Iene, di cui postiamo il link: https://www.iene.mediaset.it/2019/news/sigaretta-elettronica-svapo-parte_533109.shtml

Vi invitiamo a guardare il servizio, che sembra davvero confermare, anzi acuire la percezione della pericolosità delle sigarette elettroniche.

Write A Comment